Gentili Signore, Egregi Signori,

Christian Morgenstern, poeta e scrittore tedesco, affermava “la casa non è dove vivi, ma dove ti capiscono”.

Ad un certo punto della vita la propria abitazione, luogo a cui siamo molto affezionati ricco di tanti ricordi, diventa inadeguata in quanto non è più in grado di capire e rispondere in maniera appropriata a tutte le nostre esigenze e necessità. Insieme ai nostri cari, quindi, ci troviamo di fronte a delle scelte, per nulla semplici, che delle volte comportano il decidere di andare a vivere in una struttura assistenziale.

Il Pensionato Regina Elena accoglie coloro che prendono tale decisione cercando di comprendere e rispondere adeguatamente ai loro bisogni.

Il nostro obiettivo è quello di ricreare per gli ospiti un ambiente il più possibile accogliente e famigliare, che ricordi il calore e l’amore delle loro abitazioni.

I veri padroni di questa casa particolare sono i “nonni”, che quotidianamente con il passo lento, il sorriso dolce e i racconti della loro vita animano tale struttura supportati da diverse figure professionali: operatori socio-sanitari, infermiere laiche e religiose, fisioterapisti, educatori, animatori, volontari. Cerchiamo sempre, con rispetto e amore, di venire incontro alle esigenze e alle richieste di ogni ospite.

Con i parenti costruiamo un rapporto trasparente basato sulla fiducia e sul rispetto reciproco, garantendo loro la sicurezza che il proprio caro si trovi in un luogo accogliente e in grado di rispondere adeguatamente alle sue specifiche esigenze.

La nostra struttura è aperta: i parenti e gli amici degli ospiti possono venire a trovare i loro cari e svolgere insieme diverse attività come chiacchierare, fare una passeggiata in giardino, oppure giocare a carte.

Nonostante il difficile periodo storico che stiamo attraversando, la struttura non è mai rimasta chiusa. Nel corso del 2020 ci siamo organizzati in vari modi per garantire agli ospiti la possibilità di ricevere visite, in quanto per noi è importante salvaguardare i rapporti personali, soprattutto per il benessere psico-fisico dei “nonni”. Attualmente sono state installate due tende scorrevoli trasparenti in PVC, fornite di quattro accessi per le “maniche” posti ad altezze diverse che consentono alle persone di abbracciarsi sia in posizione seduta sia in piedi. Una tenda è stata donata dall’associazione SOROPTIMIST INTERNATIONAL d’ITALIA – CLUB di TORINO e prende il nome di “Lo spazio degli abbracci”.

Il Pensionato Regina Elena, inoltre, collabora anche con le diverse Associazioni presenti sul territorio locale in un’ottica di inclusione, in quanto i nostri “nonni” sono parte integrante della comunità pancalierese, infatti vengono organizzate diverse attività per e con loro.

 

A Lei a tutti i suoi familiari attribuiamo un ruolo fondamentale per il raggiungimento degli obiettivi relativi alla qualità dei servizi offerti. Ogni sua segnalazione, consiglio, suggerimento saranno per noi estremamente preziosi.

 

Nella certezza che Lei troverà nel Pensionato Regina Elena calore e attenzione, voglia gradire il nostro più affettuoso BENVENUTO!

 

Il Presidente     

Franceso Graglia

Il Consiglio di Amministrazione

Mario Belmondo

Roberta Demarchi

Alina Petronela Imbrea

Marina Rasino

 

Accessibilità